Per sapere se hai diritto alla riduzione è semplice: se sei iscritto alla Camera di Commercio (si devono iscrivere tutti gli artigiani e i commercianti) allora puoi usufruire di questa riduzione. Le aliquote contributive INPS cambia un po’ tra le varie categorie (artigiani, commercianti) e in base all’età (per esempio l’aliquota è un po’ più bassa per i minori di 21 anni). Con la circolare del 3 febbraio 2020, l’Inps comunica che le aliquote per i contributi 2020 degli iscritti in Gestione Separata non sono cambiate rispetto al 2019. Saldo contributi INPS 2020 da pagare nel 2021 Il saldo dei contributi è previsto nel caso in cui il reddito 2020 sia superiore al reddito 2019. Se hai una Partita Iva in Regime Forfettario, sai che i contributi alla Gestione Separata INPS gravano non poco sulle tue tasche. Ci sono casi in cui conviene avere la riduzione e altri in cui conviene meno. I contributi previdenziali daranno diritto, una volta maturate le condizioni, ad un trattamento pensionistico. In conclusione quindi, pagherai solamente 6402,5 euro (9.850 – 3.447,5). 2, comma 26, della Legge n. 335/1995. La domanda puoi inviarla tu online attraverso questa pagina INPS, oppure tramite il tuo commercialista. Confuso? Forfettario, scadenza vicina per il regime previdenziale agevolato: le ), non hai diritto a questa riduzione. Come sottolineato nei paragrafi precedenti, aderire al regime contributivo agevolato è facoltativo. Non preoccuparti, per calcolare i contributi della propria Cassa basta selezionarla su TaxMan. In questa guida completa sulla riduzione INPS forfettari ti spiego cos’è e come funziona, ti faccio un esempio di calcolo contributi da pagare usufruendo dell’agevolazione, quali sono i requisiti per averne diritto, come presentare la domanda, entro quale scadenza, per quanti anni dura l’opzione, come revocarla e infine quali sono le condizioni previste per la Gestione Separata. Ecco quindi le basi imponibili e le aliquote per il 2019, nonché l’analisi di alcuni casi particolari da tenere in considerazione nel calcolo dei contributi da versare quest’anno. Anche la revoca, così come la domanda, ha una scadenza di presentazione, solitamente entro fine febbraio. Vediamoli. Per conoscere tutte le aliquote applicate agli iscritti alla Gestione separata, si veda: Contributi 2019 gestione separata. Supponiamo che tu sia iscritto all’INPS come commerciante. A questa pagina dell’INPS trovi le precise aliquote previste per ogni categoria lavorativa. La riduzione, per i commercianti, è valida sia sulla percentuale fissa, sia su quella variabile. Attenzione, però: per quanto riguarda il calcolo dei contributi nel modello redditi 2019, non dimentichiamoci che dobbiamo prendere come riferimento le aliquote applicate nel 2018. Appariranno subito in calcolo tasse  i contributi dovuti e nella sezione pagamenti potrai monitorare le scadenze dei pagamenti previsti. Contributi gestione separata INPS 2020: la circolare n. 12 del 3 febbraio rende note le aliquote, il massimale ed il minimale di reddito per calcolare l’importo dovuto da professionisti e collaboratori. Per la precisione l’INPS Gestione Separata è pari a 25,72% del reddito imponibile calcolato I liberi professionisti con Cassa sono coloro che svolgono una professione regolamentata, soggetti ad un Ordine Professionale di riferimento. Regime forfettario 2020 Inps requisiti professionisti e piccole e medio imprese: dal 2020 sono arrivate novità importanti per chi è già nel regime forfettario o per chi ne farà parte nel corso del 2020 perché aprirà una nuova impresa o ne chiederà il passaggio da un altro regime contabile. La Circolare 21 del 31 gennaio 2017 comunica le aliquote, il valore minimale e il valore massimale del reddito erogato per il calcolo dei contributi dovuti da tutti i soggetti iscritti alla Gestione Separata di cui all’art. Se ti interessa capire meglio la tassazione del regime forfettario clicca. Nella categoria degli artigiani rientrano tutti coloro che svolgono un’attività di produzione di beni o servizi. Copyright © 2018 Soldioggi.it tutti i diritti riservati. Questa riduzione non è automatica: devi inviare apposita istanza all’Agenzia delle Entrate. A ridosso della scadenza del 2 dicembre 2019, proponiamo questa guida al calcolo degli acconti 2019 per i contributi previdenziali IVS e Gestione separata INPS. Se non sei iscritto allora significa che sei un libero professionista e non ne hai diritto. In linea con la tabella di marcia degli anni scorsi, il documento mette nero su bianco le istruzioni che artigiani e commercianti devono seguire e le date che devono rispettare per il versamento dei contributi INPS 2020 . Torni al regime contributivo ordinario sin da subito, anche per il mese di gennaio appena trascorso. Inserendo un’entrata di prova del valore del fatturato annuo, poniamo 38.000 euro, la app calcola subito i contributi INPS dovuti in regime forfettario. Se invece invii la domanda oltre scadenza, allora la revoca non parte subito, ma si applica a partire dall’anno successivo. Il legislatore, ha modificato le aliquote della gestione separata INPS con la Legge di Stabilità 2020, vediamo di seguito cosa ha previsto. Quindi, se invii la comunicazione di revoca prima di questa scadenza, allora sin da gennaio si conteggia già il regime contributivo ordinario (ossia sin dal mese prima). Per chi si avvale del regime forfettario 2020, la migliore soluzione per risparmiare sulla dichiarazione dei redditi, sul calcolo dei contributi INPS e, in generale, sulla gestione della Partita IVA, è affidarsi ad un servizio online efficiente! esempio Cassa Forense, Enpap etc.) Invii la domanda il 1 febbraio 2021. L’INPS Gestione Separata ha un vantaggio: non ci sono i minimali. ), non hai diritto a questa riduzione. Orgogliosamente motorizzato da WordPress. Conseguenze dell’adesione all’agevolazione. Ecco quindi le basi imponibili e le aliquote per il 2019, nonché l'analisi di alcuni casi particolari da tenere in considerazione nel calcolo dei contributi da versare quest'anno. Scadenza imposta sostitutiva minimi e forfettari: come fare il calcolo di saldo 2019 ed acconto 2020 Entro le stesse scadenze dell’Irpef, i titolari di partita IVA che applicano il regime forfettario sono tenuti a pagare un’ imposta sostitutiva del 15% , o del 5% per i primi 5 anni di attività, mentre quelli che applicano il regime dei minimi versano un’ imposta sostitutiva del 5% . Se quindi sei iscritto alla Gestione Separata INPS, oppure a una cassa previdenziale privata (essendo avvocato, medico, psicologo, ecc. Aliquote gestione separata INPS I contributi previdenziali INPS vengono versati con lo scopo di percepire un trattamento pensionistico quando il contribuente matura le condizioni. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di tutti i contenuti pubblicati. I commercianti hanno l’obbligo di iscriversi alla Gestione Commercianti ed Artigiani INPS , che prevede il versamento di contributi previdenziali in percentuale sia fissa che variabile. Anche se sei forfettario, artigiano o commerciante, sei escluso dall’agevolazione se possiedi partecipazioni in società. Ricevi gratuitamente le nuove guide di economia e di finanza di Soldioggi.it direttamente al tuo indirizzo email. Sei andato oltre la scadenza (che supponiamo fosse a febbraio) e quindi beneficerai della riduzione INPS solo a partire dal 2022. Ho inviato richiesta all'INPS per il bonus da 1.000 euro di maggio (ho già avuto 600 euro per marzo e aprile) con autocertificazione del calo di reddito. Facile con TaxMan App! Parliamo quindi di idraulici, elettricisti, panettieri, orefici, ma anche parrucchieri, estetisti, etc.. Anche per gli artigiani, i contributi INPS regime forfettario vengono ripartiti tra fissi e variabili. Dunque, i contributi previdenziali da pagare sono pari a: 3.850 euro + 25% (40.000 – 16.000) =3.850 + 25% di 24.000 (che sarebbe appunto la soglia oltre i 16.000 euro)=3.850 + 6.000 = 9.850 euro sono i contributi INPS da pagare. E’ possibile calcolare nel dettaglio i contributi previdenziali dell’INPS commercio con TaxMan scegliendo INPS COMMERCIO nell’elenco delle casse previdenziali. Regime forfettario Gestione Separata I contributi Inps Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, ente a cui è affidata la gestione pensionistica italiana.Tutti i contribuenti devono obbligatoriamente esservi iscritti. Solitamente, la domanda all’INPS va inviata entro fine febbraio (controlla costantemente il sito dell’INPS per essere sempre aggiornato sulla data precisa). Facendo richiesta di riduzione, non si avrà il diritto ad un anno intero di contribuzione ma solo ad 8 mesi. Invii la comunicazione il 3 maggio 2021. Aderire alla riduzione quindi, è sempre una scelta: non è obbligatoria ma è solo una facoltà dell’imprenditore. Ad esempio i medici, gli psicologi, gli ingegneri etc. L’Inps è Si ricorda inoltre che l’aliquota contributiva della gestione separata INPS è del 25,72%, pertanto il calcolo corretto è il seguente. A primo impatto si può pensare che sia una scelta scellerata quella di rinunciarvi, ma non è così. Vuoi sapere quali sono i contributi INPS dovuti da una partita IVA in regime forfettario? Se invece invii la domanda oltre scadenza, allora la riduzione si applica a partire dall’anno successivo. Se hai inviato la comunicazione oltre la scadenza, non rispettando i termini, ti consigliamo vivamente di inviare comunque una seconda istanza entro fine febbraio dell’anno successivo (o altra scadenza prevista dall’Agenzia delle Entrate). Invii la domanda il 5 aprile 2021. Tranne in questi due casi: In questi due casi, si torna a pagare il 100% dei contributi INPS, senza riduzioni. L’ammontare della quota fissa e la soglia di reddito minimo, stabiliti dall’INPS, sono gli stessi dei commercianti, così come le date di scadenza per il versamento; variano, invece, le aliquote per la parte variabile in base al reddito. Questo significa che si calcola in proporzione a quanto guadagnato. Forfettari e ravvedimento imposte: la data di riferimento è il 20 luglio Argomenti: Contributi Inps , Fisco e tasse , Ravvedimento operoso SULLO STESSO TEMA L’adesione alla riduzione contributi INPS non è automatica: devi inviare apposita domanda all’INPS. Se hai inviato la domanda oltre la scadenza, non rispettando i termini, ti consigliamo vivamente di inviare comunque una seconda istanza entro fine febbraio dell’anno successivo (o altra scadenza prevista dall’Agenzia delle Entrate). Con la circolare INPS 3 febbraio 2020, n. 12, l’Istituto comunica le aliquote e il valore minimale e massimale del reddito erogato per il calcolo dei contributi dovuti nel 2020 dagli iscritti alla Gestione Separata, di cui all’articolo 2, comma 26, legge 8 agosto 1995, n. 335. Questo significa che si calcola in proporzione a quanto guadagnato. (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Se hai una partita IVA in regime forfettario, lo stato ti riconosce una riduzione del 35% sui contributi INPS da versare. Infatti, difficilmente i contributi versati a questa gestione possono essere cumulati con quelli di altre gestioni previdenziali. Ogni Cassa ha dei contributi diversi spesso divisi in soggettivi e integrativi. Dichiaro di aver letto e accettato le condizioni dell', Riduzione orario di lavoro da parte del datore di lavoro, Fac simile lettera di licenziamento per riduzione di personale, Come rateizzare contributi Inps non pagati, Come controllare i contributi versati all’Inps online, Come ricongiungere contributi Inps e Inpdap, Come si calcolano i contributi Inps eccedenti il minimale. Se quindi sei iscritto alla Gestione Separata INPS o ad altre casse previdenziali, devi calcolare i tuoi contributi normalmente, in base alle aliquote previste nel tuo caso, senza la suddetta riduzione. La scelta di usufruire di questa riduzione del 35%, va valutata con cognizione di causa, perché l’adesione determina l’esclusione dalle seguenti riduzioni ordinarie: Se invece sei un imprenditore che lavora da solo, oppure che ha pochi collaboratori tutti di età superiore a 21 anni e inferiore a 65 anni, allora probabilmente aderire a questa riduzione è la scelta più conveniente: ti permette di pagare il 35% in meno dei tuoi contributi. Una volta inoltrata l’istanza, non devi più presentarla, la riduzione rimane attiva per sempre o comunque per tutta la vita della tua partita IVA. Invii la comunicazione di revoca il 4 febbraio 2021. o in alternativa all’, Ma come si calcolano i contributi INPS da versare in regime forfettario? Siccome hai deciso di avvalerti della riduzione del 35%, hai diritto a uno sconto del 35% calcolati su 9.850, ossia di 3.447,5 euro. Puoi sempre decidere di rinunciare e quindi tornare alla contribuzione ordinaria, senza riduzioni. La gestione separata Inps nasce con la Legge n. 335/95 (articolo 2, comma 26), norma che ha, sostanzialmente, modificato in … Come ad esempio i contributi dei lavoratori dipendenti o quelli degli artigiani o commercianti. TaxMan Copyright © 2015 Hai diritto alla riduzione sin da subito, anche per il mese di gennaio appena trascorso. Scadenza. 1040 x 78% = 811,20 (811,20 – contributi INPS versati l’anno precedente*) x 15% = 121,68€ *considerato a zero i contributi versati l’anno precedente Siccome sei nel regime forfettario, non puoi scaricare alcun costo (tranne appunto quello dei contributi INPS). 17 Giugno 2020 Con il comunicato stampa n. 147 del 22 giugno, pertanto, il MEF conferma che è in corso di emanazione un apposito Dpcm che proroga il termine di versamento del saldo 2019 e … Sei andato oltre la scadenza (che supponiamo fosse a febbraio) e quindi tornerai al regime ordinario INPS solo a partire dal 2022. Quindi, se invii la domanda prima di questa scadenza, allora la riduzione si applica sin da gennaio (ossia sin dal mese prima). Santri Theme. Il calcolo dei contributi INPS nel regime forfettario varia a seconda del tipo di attività svolta: La categoria dei liberi professionisti in cassa INPS Gestione Separata  comprende coloro che svolgono attività professionali non regolamentate e non soggette ad un Ordine Professionale. Te lo spieghiamo in questo articolo! Gestione separata 2020: aliquota aggiuntiva e prestazioni erogate dall’Inps Chi versa i contributi alla gestione separata può essere assoggettato al versamento, oltreché della contribuzione Ivs (invalidità vecchiaia superstiti), anche di due aliquote aggiuntive : Il primo mese di prova gratuito consente di calcolare gratis i contributi dovuti nell’anno inserendo semplicemente i parametri corretti della propria partita IVA (codice ATECO e cassa previdenziale). Contributi INPS artigiani e commercianti 2020: nella circolare numero 28 del 17 febbraio 2020 aliquote, minimale e massimale e scadenze per i versamenti. Avviare un’attività significa fare un’attenta analisi dei costi da sostenere, durante tutta la vita dell’impresa. Se quindi sei iscritto alla Gestione Separata INPS, oppure a una cassa previdenziale privata (essendo avvocato, medico, psicologo, ecc. Tutti i professionisti con partita IVA hanno l’obbligo di iscriversi alla Cassa Previdenziale di riferimento (ad. Una volta che aderisci a questa riduzione, non c’è una scadenza, hai diritto alla riduzione dei contributi INPS per tutta la durata della tua attività, purché chiaramente tu rimanga nel regime forfettario. Contributi Inps 2019: versamento Gestione separata, le scadenze Il versamento dei contributi Inps 2019 si effettua tramite il meccanismo del saldo e degli acconti. Ad esempio se i contributi calcolati sul 2019 erano 6.000 euro e quelli calcolati sui redditi 2020 ammontavano a 7.000, dovrai versare un saldo nel 2021 pari a 1.000 euro che potrai decidere di rateizzare. La Gestione Separata INPSè un particolare regime previdenziale che si caratterizza per il fatto di essere separato, da tutti gli altri regimi previdenziali. Ad esempio, per il primo anno con una fatturazione di 15000 € ho fatto questo calcolo. Le spese maggiori da considerare, oltre alle tasse e alle spese delle materie prime, sono sicuramente i contributi previdenziali, che ti assicurano per eventi particolari e per la pensione di vecchiaia. Vediamo insieme quali sono queste scadenze da rispettare. Un professionista iscritto alla gestione separata dell’INPS che ha aperto la partita IVA nel 2019 fino all’estate del 2020, momento in cui presenterà la prima … Sappi però che ci sono delle scadenze da rispettare: se quindi invii la domanda oltre tale scadenza, beneficerai della riduzione solo dall’anno successivo, non da subito. Nel seguito vediamo tutti i casi di calcolo dei contributi previdenziali INPS 2020 previsti con le nuove aliquote contributive per i lavoratori autonomi nelle varie situazioni che si possono venire a creare come per esempio gestione separata, presenza di più forme di copertura previdenziale, DISS-COLL etc. La gestione separata è un fondo pensionistico finanziato con i contributi previdenziali obbligatori dei lavoratori assicurati. acconti 2019 per i contributi previdenziali IVS e Gestione separata INPS. I commercianti nel forfettario devono versare all’INPS una quota minimale anche se non guadagnano nulla, pari a 3.700 euro annui, suddivisa in 4 rate da pagare alle seguenti scadenze: Superata la soglia dei 15.710 euro di ricavi, sarà necessario versare una quota ulteriore calcolata sull’eccedenza, pari a: I contributi INPS commercio in regime forfettario possono essere ridotti del 35%, facendo apposita richiesta. Contributi INPS, scadenza secondo acconto il 30 novembre 2020: come fare il calcolo Artigiani e commercianti , così come gli iscritti alla Gestione Separata INPS , pagano i contributi previdenziali sul redditi minimo in quattro rate. GESTIONE SEPARATA INPS – aliquote – acconti – versamenti Le Gestione separata INPS è la contribuzione obbligatoria per tutte le categorie imprenditoriali e professionali residuali che non siano iscritti alla gestione “artigiani”, “commercianti” ovvero non siano dipendenti. Sono iscritti alla Gestione Separata coloro che aprono la Partita Iva come Professionisti e non … Un esempio è quello dello sviluppatore web, del grafico o web designer, stilista, esperti di marketing etc. Possiedi una partita IVA in regime forfettario; Sei registrato alla Gestione Artigiani e Commercianti dell’INPS. Contributi Inps dai professionisti iscritti alla Gestione separata La seconda sezione del quadro RR, è compilata dai liberi professionisti che sono iscritti alla gestione separata. In tal caso, i contributi INPS da pagare sono i seguenti: Anno X, fatturi 40.000 euro. Puoi usufruire della riduzione contributi INPS solo se: Ciò significa che la riduzione è accessibile solo ad artigiani e commercianti. Con il Foglio di calcolo gratuito preparato dagli esperti Fiscorapido ti bastano 5 minuti per pianificare tutto con mesi di anticipo. La riduzione dei contributi INPS spetta solo ad artigiani e commercianti. I liberi professionisti iscritti alla Gestione Separata INPS oppure a casse previdenziali private, non beneficiano della riduzione. Il secondo acconto per l’anno 2020 dei contributi alla gestione Separata dell’Inps Bonus baby sitter e centri estivi: la circolare dell’Inps Riaperture: le misure in vigore da oggi, 18 maggio Contributi gestione separata INPS 2020: calcolo acconto e saldo, riguarda il versamento obbligatorio dei contributi da parte degli iscritti al fondo di previdenza speciale per lavoratori autonomi, collaboratori, co.co.co. alla Gestione separata INPS La sezione deve essere compilata dai soggetti che dichiarano redditi da lavoro autonomo di cui all’articolo 53, comma 1, del TUIR, sono iscritti e sono tenuti al versamento dei contributi 335/95. Le partite IVA forfettarie che vogliono pagare i contributi della gestione separata INPS in forma ridotta dovranno comunicarlo entro il 29 febbraio 2020. Attualmente, quindi, la Gestione Separata è un regime previdenziale c… Sono un disegnatore tecnico, aperto la partita Iva come start up, indi per cui ho una tassazione del 5%, e per la gestione separata dell’INPS IL 25,72%… e fino a qua ci siamo. In ogni momento inoltre, puoi decidere di revocare la tua scelta, cioè di rinunciare alla riduzione dei contributi INPS. e professionisti senza cassa, che sono tenuti ogni anno a versare entro una specifica scadenza l'acconto e saldo tramite modello F24 telematico. Per i contribuenti forfettari, i costi sono pari a 299 euro + IVA/anno e comprendono il disbrigo di tutti gli adempimenti relativi a Partita IVA, INPS e, in generale, alla gestione … Se quindi sei iscritto alla Gestione Separata INPS o ad altre casse previdenziali, devi calcolare i tuoi contributi normalmente, in base alle aliquote previste nel tuo caso, senza la suddetta riduzione. Per la precisione l’INPS Gestione Separata è pari a 25,72% del reddito imponibile calcolato sul coefficiente di redditività del 78% (e non su tutti i ricavi). La domanda puoi inviarla al momento dell’apertura della tua partita IVA, oppure successivamente. Coadiuvanti e coadiutori di età che non hanno più di 21 anni; Titolare dell’attività o familiari collaboratori che percepiscono già la pensione e hanno superato i 65 anni di età. L’INPS Gestione Separata ha un vantaggio: non ci sono i minimali. L’aliquota dei contributi INPS dovuti dai professionisti iscritti alla gestione separata è pari al 25,72%, mentre è pari al 34,23% per i collaboratori.