Estinzione del processo - Per inattività delle parti e per mancata prosecuzione o riassunzione - Riassunzione a seguito di sentenza di incompetenza - Qualificazione come atto di riassunzione o introduttivo di un nuovo giudizio. Cassazione civile sez. 394, comma 3, c.p.c. Stampa 1/2016. ordinanza n. 27265 del 28/12/2016. Andiamo a spiegare nel dettaglio quali sono gli effetti, le conseguenze e le ipotesi in cui giudice di merito deve proclamare l’estinzione del processo. E' chiaro, dunque, che al caso di estinzione del processo di opposizione deve essere applicato quanto previsto dall'art. Le norme sull’estinzione del processo hanno lo scopo di sanzionare l’inattività delle parti, al fine di evitare le lungaggini ipoteticamente derivanti da domande non coltivate, da attività non svolte, da ordini del giudice non eseguiti, e così via. L'estinzione del processo è un evento che può colpire il processo civile. 393 c.p.c. 546/1992, per omessa riassunzione della causa avanti al giudice di rinvio, comporta la definitività dell'avviso di accertamento 393. n. 602/73, Decreto ingiuntivo e ammissione al passivo fallimentare, CANCELLAZIONE CASSA FORENSE: i contributi versati vanno restituiti, Concorso Polizia Penitenziaria 2018: imbrogli alla prova scritta, pronto il ricorso, Il procedimento per convalida di sfratto (con modelli e fac-simili). proc. Pertanto, la sentenza riformata in appello resta anch’essa definitivamente caducata, senza possibilità di reviviscenza a seguito della cassazione della sentenza di appello. 338 c.p.c. 11 maggio 2005, n. 9876; conforme Cass. Codice proc. accoglie il ricorso; cassa la sentenza in relazione al motivo accolto e decidendo nel merito dichiara la estinzione per mancata riassunzione nel termine perentorio di cui all'art. 25 marzo 2003, n. 4378. In tema di effetti del giudizio di rinvio sul giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, qualora alla pronuncia del decreto sia seguita opposizione, questa sia stata accolta, e la sentenza di merito sia stata a sua volta cassata con rinvio dalla Corte cass., alla mancata riassunzione del giudizio in sede di rinvio consegue non già l’estinzione dell’intero procedimento, giusta il disposto dell’art. Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Civ. 307 c.p.c., così come modificato dalla citata novella del 2009, in tutte le ipotesi in cui le parti non procedano alla prosecuzione o alla riassunzione del giudizio entro il termine fissato dalla Se la riassunzione non avviene entro il termine di cui all’articolo precedente, o si avvera successivamente a essa una causa di estinzione del giudizio di rinvio, l’intero processo si estingue; ma la sentenza della corte di cassazione conserva il suo effetto vincolante anche nel nuovo processo che sia instaurato con la riproposizione della domanda (1). Se l’estinzione coinvolge una sentenza non definitiva sul an debeatur, si determina automaticamente la caducazione anche della sentenza definitiva sul quantum, anche nel caso in cui rispetto ad essa si sia formato il giudicato. per mancata riassunzione della causa davanti al giudice di rinvio, atteso che la seconda parte di tale norma, nell’affermare l’effetto vincolante della sentenza di cassazione nel nuovo processo instaurato con la riproposizione della domanda, intende far salvo solo il principio di diritto enunciato dalla sentenza del giudice di legittimità. 653 c.p.c. civ., 29.07 Nel processo tributario, la mancata o l’intempestiva riassunzione della causa a seguito di sentenza di cassazione con rinvio comporta l’estinzione dell’intero processo e rende definitivo l’atto impugnato. Sintesi storica dei codici – 3. 300 del codice di procedura civile nel caso in cui il difensore di una delle parti costituite dichiari in udienza l’avvenuto decesso del proprio assistito (sia esso attore e convenuto) – oppure comunichi mediante notifica tale evento alle altre parti – si verifica una causa di interruzione del giudizio. 393 cod. L’eccezione di estinzione del processo per mancata riassunzione dopo l’interruzione può essere dedotta da tutte le parti interessate (art. Infine, si ricorda che la mancata riassunzione comporta l’estinzione del processo per inattività delle parti ex articolo 45 D.Lgs. civ. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter: Questo sito contribuisce alla audience di, Richiedi una consulenza ai nostri professionisti. 63, comma 2, del d.lgs. 310 c.p.c., con la conseguenza che, nel nuovo processo eventualmente instaurato attraverso la riproposizione della domanda, conservano efficacia, e sono pertanto utilizzabili, tutte le statuizioni di merito su cui, nel corso del procedimento ormai estinto, si sia formato il giudicato, e cioè le sentenze di merito non definitive che non abbiano formato oggetto di impugnazione (o i cui motivi di impugnazione siano stati rigettati), ovvero quelle definitive, ma passate solo parzialmente in giudicato, per essere stati accolti i motivi di ricorso solo relativamente ad alcuni capi della sentenza, in virtù del principio della formazione progressiva del giudicato. Cass. Unite, Sent., 22-04-2013, n. 9686 Svolgimento del processo R.V. Opposizione all’esecuzione, mancata riassunzione, estinzione, pronuncia dichiarativa [artt. 653, a mente del quale in caso di estinzione del processo di opposizione «il decreto che non ne sia già munito acquista efficacia esecutiva», che ripone la sua ragion d’essere nella natura di condanna con riserva del decreto d’ingiunzione, sicché all’estinzione del procedimento di rinvio per mancata riassunzione consegue l’efficacia esecutiva del decreto medesimo. del processo»; e ciò «fino al momento del passaggio in giudicato formale della sentenza». Codice civile cinese – 5... Post was not sent - check your email addresses! L’eccezione di estinzione del processo per mancata o tardiva riassunzione può essere dedotta da tutte le parti interessate e può essere dichiarata dal giudice solo se eccepita prima di ogni altra istanza o difesa (Cass. Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato. II  30 agosto 2012 n. 14723, Email (obbligatoria se vuoi ricevere le notifiche), Notificami quando viene aggiunto un nuovo commento. (3) La norma esclude l'obbligo di riassunzione per i casi previsti dagli artt. 2945 c.c., atteso che per il disposto della norma citata (allo stesso modo di quanto statuito dall’art. 307, comma 4, c.p.c., nella formulazione anteriore alla riforma introdotta dall’art. Angelo Greco e iscritta presso il Tribunale di Cosenza, N.G.R 243/2016 - N.R. civ., 29.07 338 dello stesso codice, che regola gli effetti dell’estinzione del procedimento di impugnazione. 647 c.p.c. Click to email this to a friend (Opens in new window), Click to share on Facebook (Opens in new window), Click to share on LinkedIn (Opens in new window), Click to share on Twitter (Opens in new window), Click to share on Skype (Opens in new window), Click to share on Telegram (Opens in new window), Click to share on WhatsApp (Opens in new window), Scopri le nostre soluzioni professionali per il, Danno “da vacanza rovinata”, la responsabilità dei tour operator e delle agenzie di viaggio, Le funzioni del personale di cancelleria e il processo civile telematico, Proroga per la sospensione delle procedure esecutive immobiliari sull’abitazione principale, Vittime di violenza: paga lo Stato se l’aggressore non risarcisce la vittima, La centralità degli effetti nelle donazioni indirette, Evoluzione dell’ordinamento cinese e l’adozione del primo codice civile, Procura alle liti: fac-simile aggiornato alla legge 124/2017 ed al GDPR, Immatricolazione a Medicina senza test: l’avv. L’estinzione del processo di primo grado, sia ordinario che del lavoro, è espressione del principio dell’impulso della parte che, oltre ad avere il potere di iniziare un giudizio, ha anche l’onere di coltivarlo nel tempo, pena il venir meno L’estinzione del processo avviene in 3 ipotesi: per rinuncia agli atti in giudizio, per inattività delle parti e per cessazione della materia del contendere. civile Agg. Nel caso di estinzione del giudizio di rinvio per sua mancata (o tardiva) riassunzione, deve ritenersi, comunque, applicabile il disposto di cui all’art. Tedoldi, Cancellazione , cit., 1205, suggerisce che il giudice rilevi incidenter tantum l’in- sussistenza dei requisiti per la cancellazione limitatamente al processo (o ai processi) in proc. 393 c.p.c., bensì l’applicazione della specifica disciplina di cui al successivo art. Mancata riassunzione: effetti La mancata riassunzione del giudizio di rinvio determina, ai sensi dell’art. La Legge per Tutti Srl - Sede Legale Via Francesco de Francesco, 1 - 87100 COSENZA | CF/P.IVA 03285950782 | Numero Rea CS-224487 | Capitale Sociale € 70.000 i.v. L’estinzione del processo comporta, ai sensi dell’art. 2945, terzo comma, c.c., il permanere dell’effetto interruttivo della prescrizione provocato dalla domanda giudiziale, dalla quale comincia a decorrere il nuovo periodo di prescrizione, restando escluso l’effetto permanente dell’interruzione previsto dal secondo comma dello stesso articolo. Abstract Delineata la nozione di estinzione del processo, ne vengono illustrate le fattispecie tipizzate dal codice di rito, vale a dire la rinuncia agli atti del giudizio e l’inattività delle parti. 18 L. Oppure iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. La mancata riassunzione del giudizio di rinvio determina, ai sensi dell’art. Evoluzione storica – 4. La riattivazione del processo tramite la riassunzione opera in ipotesi differenti da quelle contemplate nel primo comma dell’art. 393 c.p.c., l'effetto vincolante del principio di diritto enunciato dalla sentenza della Corte di cassazione, nel nuovo processo instaurato con la riproposizione della domanda, non preclude alle parti di formulare domande o eccezioni nuove rispetto a quelle del giudizio estinto, non operando la preclusione, stabilita invece dall'art. Bisogna ricordare che l’estinzione dell’azione non corrisponde all’estinzione del diritto sottostante. civ., l'estinzione non solo di quel giudizio ma dell'intero processo, con conseguente caducazio Vengono poi analizzate l’operatività dei fatti estintivi e le modalità del loro rilievo, anche alla luce della profonda innovazione apportata dalla l. 18.6.2009, n. 69. Introduzione – 2. The following two tabs change content below. Nel codice di procedura civile italiano è disciplinata dagli artt. 307 comma 4 c.p.c. 63, comma 2, d.lgs. L’indagine delle Sezioni Unite: la distinzione tra... Sommario: 1. Sorry, your blog cannot share posts by email. In genere, con il provvedimento di sospensione il giudice fissa anche la data dell'udienza con la quale il processo proseguirà. La mancata riassunzione comporta l’estinzione del solo rapporto processuale relativo alla parte attinta dall’evento interruttivo, oppure si propaga e coinvolge anche le altre parti comportando l’estinzione dell’intero processo? Innanzitutto, come si è visto, il processo può estinguersi per mancata continuazione del giudizio a seguito della cessazione della causa di sospensione o per mancata prosec… ), in quanto l’interesse all’estinzione non coincide con quello tutelato dall La sentenza n. 40, depositata il 9/05/2007, dalla Commissione Tributaria Regionale di Roma sez. Una causa tipica priva di schemi – 3. Sez. 393 c.p.c., l’estinzione non solo di quel giudizio ma dell’intero processo, con conseguente caducazione di tutte le sentenze emesse nel corso dello stesso, eccettuate quelle già coperte dal giudicato (in quanto non impugnate), restando inapplicabile al giudizio di rinvio l’art. | © Riproduzione riservata In caso di litisconsorzio necessario, la tempestiva riassunzione della causa nei confronti di uno solo dei litisconsorti è sufficiente ad evitare ogni decadenza e quindi ad impedire l’estinzione del processo ex art. 310. L’estinzione del giudizio di rinvio conseguente alla cassazione con rinvio di una sentenza non definitiva sull’”an debeatur”, travolge anche la sentenza definitiva sul “quantum”, ancorché rispetto ad essa si sia formato il giudicato formale, che è solo apparente perché condizionato alla mancata riforma della sentenza non definitiva che ne costituisce l’antecedente logico - giuridico. che, a differenza dell'art. 307. Il Consiglio dei Ministri nella seduta n. 86 del 23 dicembre 2020, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, ha... Il 24 novembre 2020 – data che precede la giornata mondiale contro la violenza sulle donne – la Corte di Cassazione ha emesso una sentenza che... Sommario: 1. Se, però, ciò non avviene, le parti sono tenute a chiederne la fissazione entro il termine perentorio di tre mesi dalla cessazione della causa di sospensione (o meglio dalla conoscenza … 393 cod. 393 c.p.c., l’estinzione non solo di quel giudizio ma dell’intero processo, con conseguente caducazione di tutte le sentenze A norma dell’art. 50 c.p.c. Introduzione – 2. 310, comma I, c.p.c., infatti, “ l’estinzione del processo non estingue l’azione ” per cui la stessa domanda è riproponibile, sempre che non sia venuto meno il diritto soggettivo dedotto in giudizio per prescrizione. Estinzione del processo: [v. 306]; Riassunzione: [v. 392]. Per la Corte, “ in tema di contenzioso tributario, l’estinzione del processo ex art. Ai sensi dell’art. "La Legge per Tutti" è una testata giornalistica fondata dall'avv. Il successivo articolo 305 del … L'estinzione del processo non estingue l'azione [ 2945 c.c.]